1950, profezia?

29 10 2008

Girando su internet ho trovato un documento interessante, una dichiarazione fatta l’11/02/1950 da Piero Calamandrei che secondo me a mò di profezia descrive quello che stà succedendo in Italia:

“Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora, il partito dominante segue un’altra strada (è tutta un’ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d’occhio i cuochi di questa bassa cucina. L’operazione si fa in tre modi: ve l’ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico”

Piero Calamandrei – discorso pronunciato al III Congresso in difesa della Scuola nazionale a Roma l’11 febbraio 1950

Vi sembra familiare la cosa?
Comunque in questi giorni ho pensato molto alla situazione e vorrei rispondere a quelle persone che dichiarano che la retta non aumenterà di molto: È vero che non salirammo di molto ma quel “pò” che saliranno sarà troppo per alcune persone che saranno costrette a rinunciare al “diritto allo studio” perchè troppo caro. Questo fà sì che per colpa di quei ragazzi che hanno lasciato si avranno meno soldi in cassa che dovranno essere rimpiazzati con qualche licenziamento e altri aumenti di tasse che faranno ricominciare il giro…vi sembra cosa giusta? Se voi siete figli di papà e questo problema non vi tange pensate ai figli dei muratori che hanno costruito la vostra villetta come faranno a sostenere le spese di un diritto innegabile dell’individuo.
Pensateci e poi fatemi sapere con commenti costruttivi e non offensivi!

Tano110


Azioni

Informazione

12 responses

29 10 2008
blackjack1985

Anche a Beppe Grillo è piaciuto questo discorso, che lo ha preso e ne ha fatto una interessante iniziativa:
http://www.beppegrillo.it/2008/10/la_scuola_in_diretta.html

Io sono assolutamente contrario a dare anche solo un centesimo di soldi pubblici alle scuole private. E’ un controsenso!

Maurizio

29 10 2008
Keynes87

Ma quale profezia!! e basta con questi discorsi qualunquisti, su figli di papà, di muratori, di mammà ecc ecc. Basta con queste storie che aumenteranno le tasse a dismissura…che aumenteranno le tasse nei prossimi anni è normale….si chiama inflazione! Per colpa della legge 133 è tutto da vedere! Questa è l’opinione dei bolscevichi, di cui la scuola è piena e stanno strumentalizzando questa protesta. Beppe Grillo è un comico…a me continua ancora a far ridere tanto con le sue uscite!

29 10 2008
tano110

scusa…ti risulta che io non abbia rispettato la tua opinione? Quella è una mia opinione leggendo su internet persone che dicono che anche se aumentano le tasse universitarie non cade il mondo…ma conosco altre prsone che tirano la cinghia e che devono lavorare per mantenersi gli studi…

29 10 2008
keynes87

Opinioni!? Per dire che aumenteranno le tasse c’è bisogno di dati certi. Sono affermazioni che messe lì, servono solo per confondere le idee.

29 10 2008
andrea

– Comunque non vi preoccupate: il Presidente del Consiglio oggi ci ha assicurato che non verrà tagliato nemmeno un centesimo ai finanziamenti pubblici per gli istituti privati. Si taglia solo dall’università pubblica. (fonte:TG5 edizione sera)

– La Finanziaria taglia i fondi. Se vuoi garantire lo stesso servizio, o alzi le tasse o prendi fondi privati, o entrambe. Ergo probabilmente le tasse aumenteranno.
Non posso dare la fonte telematica, ma uno studio della nostra facoltà di economia esponeva la tesi di un probabile aumento delle tasse.

ps: lascio un elenco di aggettivi che si possono usare per attaccarmi: cattolico-comunista bolscevico mangiabambini guerrafondaio facinoroso anarchico evasore nullafacente fannullone ignorante stupido scemo… dovrei averli elencati tutti, ma se ne mancano sarò felice di scrivere un post sui modi originali per apostrofare uno che non la pensa come te… (epitome di una antonomasia di una blatta malriuscita, per esempio, ma è troppo complicato e poco diretto…)

pps: @keynes87: Il tuo modo di scrivere mi sembra proprio da troll… (con questo non voglio dire che sei un troll, ma solo che hai alcuni comportamenti che sono da troll. (Odio la retorica, ma se ti diverte posso rispondere a tono).

29 10 2008
Godot

Anche per dire che “non” le aumenteranno ci vogliono dati certi… comunque…
non credo sia razionale pensare di dare soldi alle scuole private… quando si vogliono fare tagli alle scuole pubbliche… cos’è? La storia della coperta corta? Tiri da una parte per allungare dall’altra… le scuole private sono già “ampiamente finanziate dai genitori degli studenti… se uno non può permettersi di mandare un figlio alla scuola privata ha comunque diritto a ricevere per il figlio la stessa istruzione, non ridotta perchè i fondi sono stati divisi con quelli delle scuole private. Già tra libri e tasse c’è gente che arriva a stento a fine mese…

29 10 2008
tano110

Vabbè e pensare che basta solo che i politici si dimezzassero lo stipendio (senza contare i privileggi che hanno) e si recupererebbero 627.500.000 eurini fonte e qui un sunto
E non mi cacciare la scusa che è del 2006 perchè è da allora che lo stipendio non cambia e nè che l’ha votato un governo di sinistra (solo l’aumentato di 200 euro che è anche scandaloso) perchè il governo di destra per quanto ha tagliato poteva tagliare anche lì…

30 10 2008
keynes87

Su questo blog incomincio a sentirmi incompreso!!Soltanto io la penso così, mi sono chiesto?! fortunatamente no…
http://www.studenti.it/superiori/scuola/lettera_prof.php
http://www.studenti.it/superiori/scuola/commenti_positivi_riforma.php

Consiglio di leggere la lettera della prof. sul decreto Gelmini. Una prof. cazzuta finalmente!!

30 10 2008
andrea

@keynes87
“a ben guardare, ne troverai altri come te…” 🙂

Il tuo commento è abbastanza fuori tema, poiché il post evidenzia il contrasto tra scuola pubblica e scuola privata, piuttosto che il decreto Gelmini… avresti dovuto lasciare un messaggio in bacheca.

Ed è proprio su quella pagina che ti risponderò, dopo aver riportato i link del tuo commento.

ciao!

30 10 2008
Ainos

vorrei aggiungere due punti alle giustissime opininioni di Tano:

1- anche se siete figli di papà, ricordate che un domani potreste non esserlo più, e allora rivendicherete il diritto allo studio che ora vogliono distruggere, oppure potrebbero non avere la possibilità di pagare l’università i vostri figli, o dei vostri cari amici, o i vostri parenti, etc.

2- (rivolto a tutti coloro che potenzialmente sono d’accordo con la manifestazione ma se ne tornano a casa in questi giorni di blocco didattico) ricordate che affinchè la manifestazione abbia efetto c’è bisogno di più gente possibile e che se la manifestazione avrà qualche risultato ne godrete anche voi!! quindi non fate gli “egoisti” e diamoci una mossa, aiutateci! c’è tanto da fare, specialmente ora che l’hanno approvata (procedimento affrettato dal governo al fine di scoraggiarci) dobbiamo gridare ancora più forte il nostro dissenso!!

ciao

1 11 2008
bluestraneo

Dunque.. keynes87, ho letto tutto sui link da te consigliati, gli argomenti principali e ogni singolo commento.
Ti sei “per caso” accorto che erano tutte risposte contrarie alle affermazioni dell’autrice di quella lettera? immagino significherà qualcosa..

un’insegnante che afferma che ritornare al passato sia cosa buona a giusta, per me non ha capito nulla..
esiste per caso uno studio che dimostra che in passato la scuola funzionava meglio?

comunque, arriviamo alla sostanza:
-grembiule e voto in condotta? va bene
(cosi smettiamo anche di vedere ragazzini che sfoggiano i loro abiti griffati)
-restrizioni sull’editoria? ottimo!
-maestro unico e riduzione dell’orario? …..
-classi separate? …………………..

ti sei mai fermato a riflettere su cosa significhi??
ovunque ho letto commenti di persone che, da quanto scrivono, non ne capiscono niente di come funziona la scuola dall’altra parte della cattedra, quella degli insegnanti!

se gli insegnanti fossero perfetti e infallibili, allora avere il maestro unico o no, non avrebbe moltissima influenza sulla crescita dei alunni, ma cosa accade se per insegnante unico ti arriva una divorziata schizzata o un frustrato? (cose che a volte succedono, e chiunque di noi potrà identificare nei propri ricordi la figura di uno di questi insegnanti fra quelli avuti).

In quella delicatissima fase della crescita i bambini assimilano moltissimo dai modelli comportamentali degli insegnanti, dovendoli vedere ogni giorno per tutta la mattina. vedi un po tu quindi cosa potrebbe venirne fuori..

è come se ci fosse un decreto recitante che ogni casa costruttrice deve rifornirsi solo da se stessa. Tu credi che la fiat, tanto per capirci, costruisca ogni singolo pezzo delle sue autovetture?
Nessuna azienda che tratti un campo cosi vasto è in grado di farlo, e la cultura mi sembra non sia da meno.

“Variare” significa ridurre al minimo la possibilità di errore, affidando ogni aspetto ad una persona competente in quello specifico ambito.

Magari cosi avrai solo uno o due insegnanti su cinque mentalmente incapaci di trattare con i bambini…

e, per cortesia, non rispondermi che allora tali insegnanti non dovrebbero esercitare, perche purtroppo lo fanno!!

Cos’altro c’è? ah si, le classi separate!
peggio di cosi non di poteva andare..
i bambini vedranno quindi le classi normali e “quelle degli immigrati” brrr!

le classi degli immigrati saranno quelle dove i bambini non parlano bene l’italiano, sono di diversa carnagione (anche fra loro stessi), si comportano diversamente dagli altri… insomma, saranno tutte classi di “diversi”..

Che bella accoglienza che diamo loro qui in italia!

1 11 2008
bluestraneo

una ragazza, in un video su youtube, spiega molto bene cio che ho provato a mia volta a fare riguardo al maestro unico. suggerisco di dargli una occhiata.

http://it.youtube.com/watch?v=jcZRHpQO-cc&feature=channel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: