NO EAP – 1° giornata nazionale contro l’editoria a pagamento

31 05 2010

Ciao a tutti,

questo post è dedicato alla prima edizione di una manifestazione molto importante per chi, come me, ha a cuore le sorti dell’editoria e della cultura in generale. Lo scopo principale è quello di diffondere quanto più possibile l’idea che la via normale per pubblicare un libro NON è quella di pagare. Tanti editori, sfruttando l’ingenuità e (purtroppo) la megalomania degli aspiranti scrittori, hanno avuto molto successo facendosi pagare per pubblicare i manoscritti.

Ci sono tanti motivi per evitare di pubblicare con quella che nei paesi anglosassoni viene definita “vanity press” (proprio perchè fa leva sulla vanità e sull’ego degli esordienti):

  1. Pagando non si avrà mai la certezza di essere stati scelti per la validità dell’opera piuttosto che per i soldi sborsati. Difatti se un editore non si fa carico delle spese, non corre nessun rischio a pubblicare un’opera, anzi ha solo da guadagnarci!
  2. Economicamente non conviene. Andando in una qualunque tipografia si spende molto (ma molto) di meno che i 2.000/3.000 euro che chiedono solitamente queste case editrici per stampare qualche centinaio di copie.
  3. Si evita di alimentare questo meccanismo altamente distruttivo che fa pubblicare ogni anno migliaia di libri spazzatura, pubblicati solo per soldi.
  4. Pagare per pubblicare è come pagare per lavorare.

Per chi volesse approfondire l’argomento ecco a voi una serie di link:

http://writersdream.org/ questo è il blog di Linda Rando, che oltre ad essere l’organizzatrice di questa manifestazione, è una ragazza che da molto tempo si impegna contro l’editoria a pagamento, nel suo sito potete trovare molti articoli interessanti.

QUI potete trovare un post interessante sull’argomento scrtitto da Chiara Vitetta.

Diffondete il più possibile la voce, sui blog, sui social network, ovunque.

A presto!

Maurizio

Annunci